Bando 2018

Bando 2018 2018-11-23T12:00:53+00:00

Paesaggio e natura (1680-1750)

Un indicatore fondamentale per l’analisi della variazione delle istanze culturali tra la fine del Seicento e la metà del Settecento è la rappresentazione del mondo naturale e del paesaggio. Il Seicento, secolo dei grandi approdi scientifici e della formulazione di canoni teorici di rappresentazione del naturale, sviluppa una dottrina dell’emendamento del dato di natura a fini migliorativi.

Con l’avanzare del fronte della modernità, nel Settecento la natura torna a esigere spazio e autorevolezza con esiti molto diversi, nei vari centri europei di produzione letteraria, filosofica, artistica, musicale, architettonica, dove le nuove istanze variamente si innestano, si compenetrano, si stemperano o si liberano rispetto alle sedimentazioni delle precedenti tradizioni.

Scadenza 22/07/2018, h. 24 – Bando CHIUSO

Progetti di ricerca e Assegnatari

  1. Dario Beccarini
    Da Roma all’Europa: la fortuna del Paesaggio attraverso stampe e disegni (1680-1750)
  2. Alessia Castagnino
    “Lo spettacolo della natura”. La divulgazione delle conoscenze sui fenomeni naturali nell’Italia del primo Settecento
  3. Giulia Daniele
    “Vedute di ricreazioni in villa”. François Simonot alias Monsù Francesco Borgognone e il paesaggio in quadratura nella Roma ottoboniana (1689-1740)
  4. Camilla Pietrabissa
    Disegno e natura urbana nel primo Settecento. Paesaggio, ambiente, ed ecosistema a Parigi
  5. Elisa Spataro
    Du paisage di Roger de Piles: teoria e prassi della pittura di paesaggio del primo Settecento

Vai al comunicato della Fondazione 1563 »

La borsa ha durata di un anno, a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Per maggiori informazioni sul testo del bando si rimanda al sito web della Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo.